Tag: pink floyd

David Gilmour due concerti in Italia, anticipazioni scaletta

Rock News
David Gilmour suonerà in Italia per due date nel 2015. Da quando, attraverso il suo sito ufficiale, David Gilmour ha comunicato che si esibirà per due date in Italia nel 2015 si è scatenato in rete il toto-location. Stabilito che, stante gli impegni del chitarrista dei Pink Floyd, il periodo della visita dovrebbe essere l'autunno (ottobre con ogni probabilità) le ipotesi fioccano riguardo a dove i due concerti andranno in scena. Quasi sicuramente una delle due date sarà fissata nell'incredibile scenario di Piazza San Marco a Venezia. Per quanto riguarda la seconda data sembrerebbero in lizza l'Auditorium Parco della Musica di Roma e il Teatro degli Arcimboldi di Milano. L'ufficialità arriverà nelle prossime ore. Al momento la situazione, con tanto di percentuali è riportata direttamente s

Febbraio e Marzo al Blue note di Milano

Blue Note, Concerti & Festival, Live Report
Programmazione Blue note Febbraio/ Marzo. Si concludono dopo 4 date consecutive gli appuntamenti con Billy Cobham, al Blue note fino al 1 febbraio, lascerà il palco a Dado Moroni, musicista italiano acclamato e stimato ovunque, al fianco di ottimi musicisti, presenterà il suo nuovo progetto discografico “Five for John”, lavoro e serata dedicati a John Coltrane ( 2 febbraio ). Spazio anche alle tribute band di qualità, il 4 febbraio i Big One suoneranno i Pink Floyd. Sempre attenti ai nostri cantautori, il 5 febbraio il Blue Note propone Marco Massa, sul palco con Tullio de Piscopo ed il pianista Renato Sellani. Massa proporrà brani inediti, in vista del suo prossimo lavoro e selezioni dall' ultimo disco “ A volte arriva il jazz” registrato dal vivo proprio al Blue Note.. Dal 6 all' 8 febbr

I dischi più venduti di sempre… forse!

Album, Classifiche
Vi abbiamo già parlato dei dubbi del critico musicale Bill Wyman del New Yorker sulla cifra di “100 milioni di copie vendute”solitamente attribuita al disco di Michael Jackson Thriller. Proprio per questo ha coinvolto un appassionato di musica e statistiche francese, Guillaume Vieira, per fare dei conti più accurati. Vieira se ne occupa su un suo sito e ha provato a raccoglierne di più accurati per avvicinarsi a una maggiore precisione, e questa è la sua classifica dei dischi più venduti di sempre. 1. Michael Jackson, “Thriller”: 66,200,000 2. Soundtrack, “Grease”: 44,700,000 3. Pink Floyd, “The Dark Side of the Moon”: 44,200,000 4. Whitney Houston et al., “The Bodyguard”: 38,600,000 5. The Bee Gees at al., “Saturday Night Fever”: 37,200,000 6. The Eagles, “Their Greatest Hits 1971-1975”:

Quanto vendono i dischi? Il caso Thriller di Michael Jackson, e altri

Cantanti USA, Classifiche, Rock History, Rock News, Video
Quanti dischi si vendono davvero?? Sono veri i clic su YouTube?? Ecco come la mancanza di cifre condiziona la musica:ilgiornale.it/news/spettacol… — Paolo Giordano (@IlPaoloGiordano) Gennaio 7, 2013 Siamo incappati in questo tweet in cui si parla di Major e artisti, e di dati che sono veritieri quanto le capacità canorie di Hilary Duff. Quante sono davvero le copie vendute di ciascun disco? Thriller di Michael Jackson è davvero il più comprato di sempre? E i clic su YouTube sono veritieri? Negli Usa si discute del «caso Jackson». Mentre in Italia tutto tace! Finché si tratta di nutrire l'orgoglio delle popstar, va bene tutto. Ma quando le cifre diventano un traino fondamentale del successo (molti fenomeni decollano solo perché presentati come «il più cliccato su YouTube» o «il più vendu

Musica Nuda 3/7/12 @ Carroponte

Cantanti italiani, LaMusicaPop
Un alito di vento apre la serata. Una luna che ispira. Quattro corde iniziano a battere il tempo, una voce squarcia lo spazio. Tutto si placa. Tempo e spazio iniziano a curvarsi, aprendo un varco verso l'incanto. Catapultati in una dimensione musicale talmente emozionale e inaspettata che ha inizio il concerto, è di MUSICA NUDA che stiamo parlando. Il duo formato da Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, esibitasi al Carroponte di Sesto San Giovanni, pur nella "essenzialità" degli arrangiamenti eseguiti, non hanno mancato di sorprendere ed emozionare il pubblico. In un susseguirsi di stati d'animo indotti dalle interpretazioni dai brani eseguiti come  “Another brick in the wall” dei Pink Floyd, “Felicità” di Lucio Dalla, "Rimando" scritta da Max Casacci dei Subsonica appositamente per il duo,

M’Ale 21/6/12 @ Estate Cinisellese

Cantanti italiani, LaMusicaPop, lanuovamusicarock
Ve ne avevamo già parlato, del fuggiasco M'Ale, ovvero Alessandro Rinaldi. Cantante ed autore principale di INLIMBO!, band che ha realizzato due E.p. autoprodotti, concerti e qualche sporadico passaggio in radio.  M'Ale ha viaggiato nel Sud Est Asiatico, nel Maghreb e per mezza europa, affinando di volta in volta alla sua naturale attidudine a perdere gli aerei di ritorno. Grazie ad uno di questi ha passato un anno e mezzoa Londra,dove, con lo pseudonimo di “Thanking The Ladies”, ha suonato tra Open-mic, Jam Session e concerti veri e propri, scrivendo e registrando canzoni,tra cui una versione di “Sleep Tight”, nei leggendari studi di Britannia Row, fatti costruire dai Pink Floyd. Forse ispirato dalla propria tesi di laurea sulle analogie tra misticismo Arabo e Poesia maledetta francese,un

TUESDAY?: l’EP d’apertura verso il 2013 dei JULES NOT JUDE

Recensioni
I gruppi "commerciali" sono quelli con cui radio e tv ci inondano le orecchie ogni giorno; bravi (pochi), meno bravi (molti), originali ed irriducibili (quasi nessuno). Nel nostro paese poi, in questi anni, si è toccato livelli imbarazzanti. Sembra di stare a guardare il mare calmo e piatto all'orizzonte, senza accorgersi che, proprio là sotto, esiste un infinità di colore, di movimento, di energia. Di questo universo, fatto di band eccellenti, fanno parte i Jules Not Jude. L'aspetto più forte e significativo di questi gruppi, è che fanno quello che vogliono;  non seguono nessuna regola, nessuno gli mette paletti da rispettare, nessuno gli tappa le ali; sono liberi di volare alto e i Jules Not Jude volano alto. Sono usciti nel 2009, hanno pubblicato un EP e poi subito il primo album; un a

the CHURCHILL OUTFIT: esordio con l’elegante psichedelia di tCO

Recensioni
Ci siamo presi un po’ di tempo per ascoltare il primo disco ufficiale dei the Churchill Outfit dal titolo tCO. In effetti il disco non è immediato, necessita di qualche ascolto in più per essere recepito, capito e inevitabilmente condiviso ed apprezzato. Il disco si apre con “Tongue Like A Trigger”, una canzone dai toni psichedelici rivisti in chiave moderna, con intermezzi rock e con passaggi, caratterizzati dalla voce, tipici del Big Beat; ma poi tutto muta in continuazione, già la seconda traccia è differente come genere. “Faceless”, quarta traccia del disco, contiene numerosi richiami al Progressive Rock anni settanta, anche di stampo milanese. “Kaleidoscopic”, primo singolo estratto, di cui è già stato pubblicato anche il video, è il pezzo centrale, quello che descrive meglio l’album

Lanuovamusicarock per: M’ale, Damarà & Stefano Cece @ Biko

lanuovamusicarock, Live Report
“L’ascolto è ciò che da senso all’udito, e che fa dell’udito il senso che preferisco”. Con questa premessa non possiamo che suggerirvi un evento più che interessante a Milano in questa settimana. Se noi de lamusicarock.com abbiamo e diamo tutt’ora spazio alle voce emergenti nel nostro blog, c’è chi lavora sulla nostra stessa linea nel concreto della realtà milanese: “il Terzo Orecchio” che all’Arci Biko di Milano nasce con l'obbiettivo di dare spazio, e soprattutto voce, alle nuove realtà musicali “proponendo un'impronta differente all'ascolto della musica live”; giovedì 19 sarà la volta di M'ale, Damarà e Stefano Cece presenti sul palco per il terzo appuntamento dell’anno. Perché presenziare? Bè in assoluto per Alessandro Rinaldi, in arte M’ALE, di cui noi siamo grandi fan e di cui sent

Laura Pausini @ Assago: Inedito Tour

Cantanti italiani, Gallery, Live Report
Tappa inconsueta per noi de lamusicarock.com che lo scorso 23 dicembre abbiamo avuto l’opportunità di assistere a uno dei live più attesi dell’anno, quello di uno dei colossi della musica pop italiana: Laura Pausini. L’Inedito World Tour, che porterà la cantante sui palcoscenici di tutto il mondo per un anno intero, si è aperto con le tappe milanesi, le quali sono state le più significative, in quanto hanno riportato l’artista al suo pubblico. Lo spettacolo propone uno show ben strutturato e per nulla noioso, travolgente, ricco di momenti in cui la cantante si soffermava a cantare e soprattutto parlare con i fans accorsi entusiasti. Marco Balich (executive producer dei maggiori eventi dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro 2016) ha curato la regia di ciascun momento del live, mentre Mark F