Tag: concept album

Nobraino live @ Circolo Agorà Milano: L’intervista

Cantanti italiani, Interviste
Serata immensa al Circolo Arci Agorà di Cusano Milanino (un po’ fuori mano per gli ecocompatibili amanti della Milano centrale ma un posto capace di regalare momenti ricercati e bellissimi). Sul palco gli splendidi “Nobraino”. Quattro album alle spalle (The best of, Live al Vidia Club, No Uk! No Usa!, Disco d’oro) e una fama indiscussa che consente di saltare agevolmente le presentazioni più scontate. Noi de Lamusicarock.com abbiamo la fortuna di incontrare il cantante, Lorenzo Kruger, prima del concerto. Gli domandiamo innanzitutto il perché di questo nome. Nobraino. A parte l’ovvia traduzione, questo incitamento all’assenza di materia grigia rimanda al loro passato. Un residuo “punk-adolescenziale” nato negli anni in cui la band cercava di riprodurre artigianalmente quel rock tanto caro

Nadar Solo: il nuovo disco “Diversamente, come?” – la recensione

Album, Cantanti italiani, lanuovamusicarock, NuovaMusicaRock, Recensioni
Esce il 29 Gennaio per Massive Arts/Self il nuovo disco dei Nadar Solo, “Diversamente, come?”. La band si era già fatta apprezzare da pubblico e critica per il suo primo lavoro “Un piano per fuggire” del 2010, a seguito del quale i tre ragazzi torinesi avevano avuto modo di intraprendere un corposo tour e di aprire durante il 2012 i concerti di Bugo, The Niro, Pan del Diavolo, Perturbazione e Amor Fou, oltre a figurare tra le 5 band di supporto ufficiali del tour 2012 del Teatro degli orrori. Escono oggi con un concept album nato senza accordi. Uno spazio altro dominato da un fil rouge silente e prodotto da un’urgenza condivisa, da un bisogno naturale di raccontare storie simili. “Diversamente, come?” è un diario di amori falliti per incapacità, di vite in stand by ammalate di impotenza. U

Attesissimi debuttano i MASCARA con TUTTI USCIAMO DI CASA

Recensioni
Dopo un EP autoprodotto uscito due anni fà i MasCara debuttano con l’atteso primo disco “Tutti Usciamo di Casa”. Già dal titolo si percepisce che questo disco vuole rivolgersi ad ognuno di noi, parlando del passaggio esistenziale verso l’età adulta; è una sensazione, è un insieme di esperienze che tutti vogliamo raccontare, ed è proprio così. Fin dal primo ascolto ci accorgiamo della particolarità di questo lavoro; la batteria è fortemente improntata sullo stile anni ottanta, ossia quel suono elettronico, campionato, liscio e minimale, ma che allo stesso tempo riesce a dare profondità e mestizia all’intera composizione. Anche gli altri strumenti hanno influenze derivanti da quegli anni, ma molto meno evidenziate. La chitarra, viceversa, quasi assente e sicuramente in secondo piano nella p