Tag: cantautore

Esposito: Biciclette rubate – recensione

Esposito: Biciclette rubate – recensione

Recensioni
Biciclette rubate è il nuovo disco del cantautore toscano Diego Esposito. Un disco pop e delicato che ci ricorda che siamo artefici del nostro destino.     di Eleonora Montesanti   "Ho pensato di essere come le biciclette rubate, che da un momento all'altro si ritrovano in un posto differente rispetto a quello dove erano state parcheggiate un attimo prima." E' da questa metafora, scelta per descrivere una sensazione di smarrimento, che Diego Esposito sviluppa le dieci canzoni che compongono il suo nuovo album, Biciclette rubate. Vicende quotidiane, viaggi fisici e mentali, storie d'amore (anche con se stessi) e dialoghi con entità superiori (personali o naturali) sono l'universo in cui prende vita e si muove la musica del cantautore toscano trapiantato a Mil
Andrea Donzella: Maschere – la recensione

Andrea Donzella: Maschere – la recensione

Recensioni
Maschere è il nuovo disco del cantautore Andrea Donzella. Una chiara ispirazione soft rock e pop anni '70-'80 accompagna l'artista in un cammino interiore nell'analisi dei rapporti con gli altri.     Recensione di Eleonora Montesanti   Maschere, il nuovo disco del cantautore di origini siciliane Andrea Donzella, è un concept album composto da otto brani che analizzano gli atteggiamenti e i filtri che utilizziamo per mantenere in equilibrio le nostre relazioni con gli altri. Si tratta di un album che mette al centro la chiara ispirazione soft-rock e pop degli anni '70 e '80 e che offre sonorità molto pulite e luminose, spesso in contrasto con i sentimenti e le sensazioni esposti nella liriche. Genitori che cercano di trasmettere ai figli valori universali in
Andrea Gioè: L’Ottimista! – la recensione

Andrea Gioè: L’Ottimista! – la recensione

Recensioni
L'Ottimista! è il nuovo di Andrea Gioè, una raccolta che comprende le tappe più significative del percorso artistico del cantautore palermitano.     di Eleonora Montesanti   Ottimista: chi è portato a considerare, giudicare e prevedere gli avvenimenti nel modo più favorevole. E' interessante iniziare ad analizzare il nuovo disco di Andrea Gioè proprio dalla definizione della parola - una parola importante - che ha scelto come titolo. Soprattutto perché le tredici tracce che compongono il disco sono state scritte tra il 2002 e oggi e rappresentano una vera e propria raccolta delle tappe più importanti del percorso artistico e personale del cantautore palermitano. E' molto bello, dunque, che Andrea Gioè abbia scelto proprio questo titolo per racchiudere il su
Gian Marco Basta: Quanto Basta vol3 – anteprima album + intervista

Gian Marco Basta: Quanto Basta vol3 – anteprima album + intervista

Esclusive
E' uscito in anteprima esclusiva su Lamusicarock Quanto basta vol. 3, il nuovo disco del "cantattore tragicomico" Gian Marco Basta. Per l'occasione abbiamo fatto una lunga chiacchierata con lui, per conoscere meglio la sua arte e i bellissimi personaggi che popolano il disco. Buon ascolto e buona lettura!     di Eleonora Montesanti   Quanto Basta vol. 3 è il terzo disco del cantautore bolognese Gian Marco Basta, registrato all’Underground Studio di Bologna e in uscita il 15 settembre 2018. Dieci brani che raccontano di storie marginali, di amori andati male e di vicende di varia umanità, dove il “cantattore tragicomico” delinea con ironia espressionista il proprio ritratto in musica. Siamo lieti di ospitarlo in anteprima su Lamusicarock con due giorni di ant
Riccardo Maffoni: Faccia – la recensione

Riccardo Maffoni: Faccia – la recensione

Recensioni
A dieci anni di distanza dall'ultimo disco, il cantautore rock bresciano Riccardo Maffoni torna con Faccia, un album in cui racconta tutto se stesso.     di Eleonora Montesanti   Faccia, il nuovo lavoro discografico di Riccardo Maffoni, rappresenta un quadro, con tante immagini - le canzoni - che fanno parte dello stesso grande disegno - lo sguardo sul mondo dell'artista. Infatti, niente come le sue parole possono descrivere meglio qual è la maniera migliore per approcciarsi all'ascolto di questo disco: «Quando sono entrato in studio per lavorare a questo nuovo album avevo solamente la convinzione di registrare canzoni che parlassero di tutto quello che c’era stato nella mia vita dal mio ultimo album di inediti uscito nel 2008 a oggi. Volevo raccontarmi, senza
Enzo Beccia: Gli Indifferenti [anteprima video + intervista]

Enzo Beccia: Gli Indifferenti [anteprima video + intervista]

Esclusive
Il video de Gli Indifferenti del cantautore pugliese Enzo Beccia è in anteprima esclusiva su Lamusicarock. Il brano, una sorta di denuncia all'indifferenza del nostro tempo, è contenuta nel disco Per chi viaggia leggero. Per l'occasione, Enzo lo abbiamo anche intervistato.   di Eleonora Montesanti    Le parole di Enzo Beccia per descrivere il video, la cui regia è stata affidata a Fiorenza Sasso:  "Nel video della canzone “Gli indifferenti” prende forma la denuncia della moderna indifferenza, attraverso immagini in bianco e nero e scene girate nelle nostre strade cittadine, in un giorno come tanti. In queste strade, sulle note della canzone, scivola l’indifferenza di ognuno di noi, quell’incapacità di interessarsi alle questioni vitali di chi ci sta accanto. L’unica
D’un tratto, fra introspezione e imprevedibilità – intervista a Eugenio Rodondi

D’un tratto, fra introspezione e imprevedibilità – intervista a Eugenio Rodondi

Interviste
Eugenio Rodondi è un cantautore torinese che ama moltissimo le parole. E' appena uscito il suo terzo disco, D'un tratto, che parla di relazioni e di imprevedibilità. Per l'occasione abbiamo scambiato con molto piacere quattro chiacchiere con lui.     di Eleonora Montesanti   Eugenio, partiamo proprio dall'inizio: ti ricordi se c'è stato un momento preciso in cui hai capito che la musica avrebbe avuto un ruolo così importante nella tua vita? La musica mi ha sempre accompagnato, molto, sin da quando ero piccolo. Non ricordo un momento preciso in cui ho capito che avrebbe avuto un ruolo così importante, credo che sia una di quelle cose di cui non posso fare a meno. Probabilmente è come un pesce che vivendo sempre in acqua non si rende conto di quanto sia importante stare ne
Denis Guerini: tra fantasmi e dissolvenze – l’intervista

Denis Guerini: tra fantasmi e dissolvenze – l’intervista

Interviste
Lo scorso febbraio è uscito il quarto disco di Denis Guerini, Dissolvenze, un album di puro cantautorato che, travestito da fantasma, gioca a nascondino con i ricordi. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui per saperne di più. di Eleonora Montesanti   Denis, ti ricordi se c'è stato un momento preciso in cui hai capito che la musica avrebbe avuto un ruolo così importante nella tua vita, tanto da diventarne la protagonista? Ho iniziato a sedici anni, con l'intento di fare colpo sulle ragazze. Alla fine mi sono ritrovato ad abbracciare le bacchette e a tirare colpi sulla batteria. E in un mondo parallelo in cui non sei un musicista, che cosa fai nella vita? Svolgo un lavoro che mi permette anche di pensare ai testi o alle musiche da scrivere. Il 60% dei brani che ho scritto son

Diego Esposito – E’ più comodo se dormi da me : la recensione

Recensioni
Diego Esposito esordisce con un disco di pop e cantautorato fresco e genuino, in collaborazione con Zibba (che si è occupato della direzione artistica del progetto). DI ELEONORA MONTESANTI Quanto è bravo Diego Esposito! Il suo disco d'esordio è il risultato di dieci anni di esperienze e canzoni e, proprio per questa ragione, suona già maturo, sebbene si contraddistingua per freschezza e semplicità. E' più comodo se dormi da me, questo è il titolo dell'album, è composto da nove brani dove il pop si mette e si toglie continuamente il vestito di canzone d'autore e lo fa con estrema naturalezza. Non ci sono grosse rivoluzioni stilistiche all'interno di questo disco, ma non tutti gli artisti devono per forza essere avanguardisti: Diego Esposito si muove in territori musicali già esplorati, ma

Pier Mazzoleni: Gente di terra – la recensione

Recensioni
Gente di terra è il nuovo album di Pier Mazzoleni, cantautore bergamasco che trasforma la canzone popolare d’autore in un viaggio sia terreno, sia spirituale attraverso storie di uomini e popoli.     di Eleonora Montesanti   Pier Mazzoleni, giunto con Gente di terra al suo quinto album, è un artista che attraverso musica e parole disegna i sogni nell’aria con le dita. Le sue canzoni, infatti, sono storie di persone con i piedi ben ancorati a terra, ma con lo sguardo rivolto al cielo. Gente di terra, in particolare, è un disco in cammino, è il viaggio di una società in espansione che ha paura del cambiamento. Arrangiamenti variegati si mettono al servizio di narrazioni che molto spesso nascono da veri e propri omaggi spirituali. Brani come Un giorno un uomo, Uomo di legn