Punkreas “assaliti” dalle forze dell’ordine

Alcuni carabinieri che alloggiavano nel nostro albergo hanno deciso a modo loro di farci smettere di parlare». Comincia così il racconto della nottata vissuta dai Punkreas. Sono le 3.30 di Mercoledì notte. I Punkreas hanno da poco finito di esibirsi al Free Music Festival e si ritrovano, come d’abitudine all’interno di una delle stanze prenotare all’Euro Motel di Nichelino. Non tutti i membri della band, ma solo Paletta, Gango e il fonico Gianluca Amen. Risultato: risate e qualche schiamazzo. Difficile però pensare a quanto accaduto dopo.
«Mentre stavamo lì a chiacchierare abbiamo sentito bussare violentemente alla porta. Subito dopo, abbiamo cominciato a lacrimare, avvertendo un forte bruciore agli occhi e alla gola. Erano lacrimogeni pompati da sotto la soglia della porta», spiega Paletta, il bassista del gruppo. La stanza di una decina di metri quadrati, una matrimoniale con bagno, di colpo è invasa dal gas. «In un primo momento avevo paura, non volevo lasciare la camera temendo di essere aggredito in corridoio. Così, con gli altri due mi sono rifugiato in bagno e con gli asciugamani zuppi d’acqua ho cercato di proteggermi dal gas urticante». Dopo alcuni minuti, decidono di uscire e in corridoio «non c’era nessuno». Ma nel frattempo gli altri componenti della band hanno cercato di aiutarli. E durante questo tentativo, continua il comunicato, «il rapper Anti è stato schiaffeggiato e malmenato da tre militari in borghese muniti di manganelli».
Usciti dalla stanza, i Punkreas non hanno però trovato nessuno in corridoio, ed hanno quindi chiamato il 112. Gli agenti intervenuti sul posto hanno parlato con i membri della band, e allo stesso tempo con alcuni colleghi dei battaglioni mobili di Veneto e Alto Adige, impegnati in questi giorni in Val di Susa che appunto alloggiano nello stesso albergo scelto dai Punkreas. La ricostruzione fatta dagli agenti è la seguente:«C’è stato un diverbio tra i due gruppi per futili motivi, ma nessuno ha presentato querela. Abbiamo riscontrato in albergo una sostanza gassosa non meglio identificata e un odore forte». Dal comando escludono però l’utilizzo dei lacrimogeni: «Si tratta di sostanze controllate che non possono essere usate senza autorizzazione».
«Ciò che è successo -dicono – ci indigna, è vergognoso» dichiarano invece i Punkreas, che definiscono quello subito un vero e proprio assalto, aggiungendo che nessuno dalla reception aveva chiamato per lamentarsi del rumore. Ovviamente è giusto precisare che questa è solo una parte di vertià, che si basa sulla ricostruzione dei fatti fornita dalla band milanese.

Condividi
Tweet
+1
Condividi
Pin