Marco Negri: Il mondo secondo Marco – la recensione

Il mondo secondo Marco è il disco d’esordio pop-rock del cantautore mantovano Marco Negri

 

 

di Eleonora Montesanti

 

 

Il mondo secondo Marco è il disco d’esordio del cantautore mantovano Marco Negri e rappresenta il percorso emotivo e personale dell’artista, arricchito dalla collaborazione con l’arrangiatore Carlo Cantini.
Il disco è composto da nove brani molto eterogenei, poiché ognuno di essi coinvolge un genere musicale diverso. L’esperimento risulta essere sia interessante, sia pericoloso. Interessante per la dimostrazione che Marco e i suoi collaboratori sanno barcamenarsi egregiamente tra gli stili più diversi, pericoloso perché così il progetto rischia di soffocare la vera identità di questi artisti. 

Pop, punk, rock, accenni di elettronica, raggae e folk, insieme a una voce multiforme e in grado di adattarsi all’atmosfera musicale.  E’ come se i Subsonica incontrassero i Cranberries e ne uscisse un ibrido strano che certe volte somiglia anche a Caparezza e agli 883. C’è un po’ di confusione, insomma.

Ciò non toglie che, esclusa qualche ingenuità a livello testuale, ci siano dei brani degni di nota. Su tutti sicuramente la ballata elettro-acustica Da questo mare e Superstar, che profuma molto di sogni e di anni ’80.

In generale si può dire che il potenziale di Marco Negri è altissimo e lo stesso si può dire per energia e produttività. Forse tutto andrebbe canalizzato in una direzione che metta di più in risalto la sua identità artistica. Aspettiamo con curiosità il prossimo disco!

 

Condividi2
Tweet
+1
Condividi
Pin
2 Condivisioni