Melvins + Redd Kross @ Live Club Trezzo sull’Adda – foto e report

report e foto di Luca Simonazzi

Abbandonati i piccoli club milanesi, sede italica delle esibizioni del power trio di Washington come fin’ora è stato, i Melvins giungono al Live Club di Trezzo Sull’Adda accompagnati dagli storici alternative rockers Redd Kross, accoppiata musicalmente inusuale che ha in realtà portato un’ottima risposta di pubblico.

Le svisate dei fratelli Jeff e Steve Mcdonald, alle sei e alle quattro corde, suonano ancora fresche come quando venirono pubblicate tra gli anni 80 e 90, riconosciamo dietro le pelli l’infaticabile Dale Crover (con una magnifica maglia con fette di arancia disegnate) che presta i sapienti quattro arti alla formazione californiana, Jason Shapiro porta soli e arrangiamenti spettina capelli a rotazione ed il pubblico non può che reagire positivamente, dal vivo colpiscono molto  più di quanto il lavoro in studio lasci presagire, premiata anche la scelta di proporre varie cover, tra queste, le più apprezzate “Deuce” dei Kiss e “Saviour Machine” del compianto David Bowie.

I toni cambiano radicalmente col cambio di scena, abiti neri, vibrazioni sludge, e i Melvins portano tutta la propria dissonante energia on stage, King Buzzo sembra non conoscere lo scorrere del tempo e trova nell’esibizione live il proprio habitat naturale, nella nuova formazione vediamo il ritorno sul palco del bassista Steve Mcdonald, che con l’esperienza di innumerevoli live con varie formazioni al di la degli stessi Redd Kross, non ci fa sentire la mancanza dell’eclettico Trevor Dunn prestando in vari brani anche la propria voce; inutile dire che Dale Crover, armato degli iconici guanti, è letteralmente una macchina che non perderebbe un colpo nemmeno se dovesse suonare con sette gruppi di fila. In occasione di questo tour il trio statunitense propone al pubblico vari estratti del nuovo album “A Walk with Love and Death” pubblicato a luglio; apprezzata l’inclusione di “Amazon” nella scaletta, da noi mai sentita live, come anche la scelta di terminare l’esibizione (stavolta con “Roman Dog Bird”) evitando di tornare sul palco per l’encore come tutti fanno, non sarebbe stato da loro; davvero una sberla di show. L’unico rammarico è di non poter godere (chissà se un prossimo tour, in futuro…) della formazione a due batterie che ci conquistò già dal capolavoro “(A) Senile Animal”, ma, piccola soddisfazione, torniamo a casa conquistando la bacchetta di Dale!

Ecco tutte le foto del live: 

ph LUCA SIMONAZZI                 

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”124″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_slideshow” gallery_width=”600″ gallery_height=”400″ cycle_effect=”fade” cycle_interval=”10″ show_thumbnail_link=”1″ thumbnail_link_text=”[Mostra miniature]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Melvins:

Sacrifice
Oven
Anaconda
The Kicking Machine
It’s Shoved
I Want To Hold Your Hand
Hideous Woman
Euthanasia
Edgar The Elephant
The Bit
Scooba
Onions Make The Milk Taste Bad
Amazon
Hung Bunny
Roman Dog Bird

Red Kross:

Lady in the Front Row

Stay Away From Downtown

Switchblade Sister

Uglier

Neurotica

Jimmy’s Fantasy

Annie’s Gone

It Won’t Be Long (The Beatles cover)

I’ll Blow You a Kiss in the Wind (Tommy Boyce & Bobby Hart cover)

Annette’s Got the Hits

Deuce (KISS cover)

Saviour Machine (David Bowie cover)

Linda Blair