BAY FEST 2018: report e foto del festival punk rock dell’estate!

Anche quest’anno Lamusicarock.com è stata partner del Bay Fest di Bellaria Igea Marina (RN), di seguito trovate tutte le foto dei live e il report del nostro inviato Luca Simonazzi!

Bay fest 13 agosto

Nella seconda giornata di Bayfest, abbiamo partecipato ad una serie di grandi esibizioni, diventando parte di quel clima che possiamo descrivere ormai come unico nel panorama dei festival italiani; tra i vari ospiti internazionali, anche le band nostrane hanno saputo conquistare il pubblico che, come ogni anno, non tarda a popolare la venue fin dall’apertura dei cancelli.

Totale Apatia e Inarrestabili aprono le danze con la giusta carica mentre sotto palco la situazione si fa sempre più affollata ed agitata, niente di meno per i Second Youth che dalla Sardegna infiammano il palco prima degli ospiti internazionali: Booze & Glory, portatori di grandi inni oi! da Londra; Agnostic Front, padrini del New York hardcore carichi come molle nonostante la recente operazione del frontman Roger Miret e, per chiudere in bellezza la giornata, Dropkick Murphys con il loro celtic punk da Boston che cattura il BAYFEST per un’ora e mezza di show con tanto di invasione di palco finale.

Bay Fest 2018: i live del 13 Agosto

Bay fest 14 agosto

Nella terza e conclusiva giornata di festival, minacciata fin dalle prime ore da nuvole scure non troppo promettenti,  abbiamo potuto assistere dopo i live acustici al Beky Bay, alle esplosive esibizioni dei nostrani Sunset Radio ed Edward In Venice, sfortunatamente il temporale arriva durante l’ottimo set degli storici Senzabenza, quindi live interrotti fino alla fine della brutale pioggia che fa saltare i Nothington, primi ospiti internazionali del giorno da San Francisco, che recupereranno in parte con un piccolo show allo stand dei live acustici all’interno del fest; fortunatamente il tempo migliora permettendo agli svedesi Millencolin di esibirsi sul palco principale per la gioia dei presenti, che accompagneranno a voce il cantante Nikola armato prontamente di chitarra acustica durante una momentanea assenza di corrente; nessun problema invece per i losangelini Bad Religion, che dopo l’esibizione dello scorso anno tornano per celebrare il trentennale dell’album “Suffer” condendo il tutto con storiche hit come “American Jesus” o “Infected”. Il festival giunge ad una più che degna conclusione con l’esibizione dei Suicidal Tendencies che mettono a ferro e fuoco tutto il parco Pavese per una scaletta senza esclusione di colpi, supportati dietro le pelli dalle distruttive mani di Dave Lombardo (per i profani, storico batterista degli Slayer),  l’istrionico frontman Mike Muir tiene in pugno il palcoscenico (con tanto di discorso sul seguire i propri sogni) che diventa una piccola California che danza sul basso di Ra Diaz, fino alla finale invasione di palco durante l’iconica “Pledge Your Allegiance”. Anche quest’anno felici di aver potuto partecipare al festival punk rock numero uno su suolo nazionale, non mancheremo di certo l’anno prossimo sperando che il tempo sia più clemente!
Bay Fest 2018: i live del 14 Agosto

Condividi3
Tweet
+1
Condividi
Pin
3 Condivisioni