Red Hot Chili Peppers: “I’m with you” le ragioni del titolo

Cos’è che dà il nome al nuovo disco dei Red Hot chili Peppers? Quali sono le ragioni della scelta di “I’m with you” piuttosto che dell’originario “Dr Johnny Skinz’s disproportionately rambunctious polar express machine-head”, titolo promosso per un certo periodo da Anthony Kiedis? Non illudetevi. Niente romanticismi ma, almeno inizialmente, semplice scelta di marketing.
L’idea nasce infatti da Josh Klinghoffer (nuovo chitarrista dei Red Hot) dopo che il produttore Rick Rubin aveva sconsigliato di dare al nuovo disco lo stesso titolo di uno dei brani. Come mai alla fine i Red Hot abbiano scelto “I’m with you” lo spiega lo stesso Kiedis ai microfoni di Mtv: “E’ un titolo che sembra molto aperto, centrato sul momento in cui la band si trova, su cosa il gruppo sta facendo”. Prosegue il cantante: “Avevamo pensato di chiamarlo come una delle canzoni dell’album, ma quando ne ho fatto cenno a Rick mi ha detto: ‘Fa sembrare che non abbiamo idee a sufficenza’. A un certo punto è saltato su Josh, tipo un giorno prima che ci fosse la scadenza per il titolo; ha scritto su un pezzo di carta ‘I’m with you’, ci abbiamo messo sopra gli occhi tutti insieme e abbiamo detto: ‘Ecco il titolo del nostro disco'”.

Condividi
Tweet
+1
Condividi
Pin