Linkin Park, Mike Shinoda su “A Thousand Suns”: “E’ il nostro disco più impegnato”

A pochi giorni dall’uscita nei negozi, cresce l’attesa per il nuovo album dei Linkin Park. Ad aumentare la voglia di :“A Thousand Suns”, sono arrivate in questi giorni le dichiarazione di Mike Shinoda, co – frontman della band. Shinoda ha parlato delle citazioni che il disco contiene in riferimento alla band Public Enemy, ma anche al fisico Robert Oppenheimer, colui che mise a punto la prima bomba atomica rifiutandosi poi di lavorare sul progetto della bomba a idrogeno, nonchè a Martin Luter King. “A Thousand Suns” sarà di fatti un disco di gran lunga più impegnato, rispetto ai precedenti lavori dei Linkin Park.
Dice Shinoda: “Nel brano ‘Wretches and kings‘ c’è un omaggio a Chuck D: è una delle canzoni più hip hop che abbiamo mai registrato, ed è molto aggressiva. E’ un qualcosa che non avete mai sentito prima. I Public Enemy sono sempre stati una band molto sfaccettata, perché – oltre al loro impegno politico – nei loro dischi son sempre finite anche un sacco di altre cose. I loro lavori mi hanno ispirato facendomi capire cosa avrei voluto che facesse il mio gruppo, su come trovare un percorso artistico personale prendendoli ad esempio”.
Riferimenti all’impegno politico, che non mancano nemmeno in altre tracce del disco. In un altro brano abbiamo usato un campione preso da un discorso di Mario Savio, un attivista dei diritti civili che negli anni Sessanta lottava per il miglioramente delle condizioni dei lavoratori; in “Burning in the skies” facciamo riferimento a Robert Oppenheimer, mentre in “Iridescent” citiamo un discorso di King circa i suoi sentimenti riguardo all’intervento militare americano in Vietnam e la comunità afro-americana. Abbiamo scelto queste tre citazioni perché ci sembrava molto interessante come questi tre interventi, pur riascoltati diversi decenni dopo l’epoca nel quale sono stati pronunciati la prima volta, riescano ad essere ancora estremamente attuali”. Fondamentale in questo senso è stato l’appoggio del produttore Rick Rubin, già in passato al lavoro con artisti del calibro di Neil Young e Jhonny Cash.

Condividi
Tweet
+1
Condividi
Pin