Recensioni

Dario Dee: Dario è uscito dalla stanza – recensione

Dario Dee: Dario è uscito dalla stanza – recensione

Recensioni
Dario è uscito dalla stanza è il primo LP dell'artista pugliese Dario Dee. Un viaggio nei pensieri di un giovane che vive nel presente, in equilibrio tra soul e pop.     di Eleonora Montesanti   Il primo album di Dario Dee, Dario è uscito dalla stanza, arriva a tre anni dal primo EP e contiene sedici tracce (quattordici inediti e due cover molto personalizzate). Si tratta di un sequel del primo progetto discografico che contiene la favola Nella stanza di Dario, incentrata sul tema del bullismo. In questo nuovo progetto totalmente autoprodotto Dario trova il coraggio di scrivere senza filtri, rinunciando alle metafore. Diretto, esce dalla stanza racconta di sé e del mondo che insieme ruotano nell’universo. Dario è uscito dalla stanza è un disco molto personale
Paolo Gerson: Le ultime dal suolo in alta fedeltà – recensione

Paolo Gerson: Le ultime dal suolo in alta fedeltà – recensione

Recensioni
Le ultime dal suolo in alta fedeltà è il primo disco solista di Paolo Gerson, ex frontman dell'omonima e indimenticabile band punk milanese.     di Eleonora Montesanti   Dopo quattro anni di silenzio è tornato - con una veste tutta nuova - Paolo Gerson, l'ex frontman di una delle band che negli anni zero hanno tenuto alto in tutta Italia il nome del punk: i Gerson. Dichiarata la provenienza di questo artista, non è su questo che vale la pena di concentrarsi per parlare del suo primo disco da solista, intitolato Le ultime dal suolo in alta fedeltà. L'album è composto da nove canzoni, nate dall'osservazione del mondo e metabolizzate nell'intimità di una sala prove della periferia milanese. Le sonorità sono molto variegate: si va dal grunge al folk, dal rock pi
Esposito: Biciclette rubate – recensione

Esposito: Biciclette rubate – recensione

Recensioni
Biciclette rubate è il nuovo disco del cantautore toscano Diego Esposito. Un disco pop e delicato che ci ricorda che siamo artefici del nostro destino.     di Eleonora Montesanti   "Ho pensato di essere come le biciclette rubate, che da un momento all'altro si ritrovano in un posto differente rispetto a quello dove erano state parcheggiate un attimo prima." E' da questa metafora, scelta per descrivere una sensazione di smarrimento, che Diego Esposito sviluppa le dieci canzoni che compongono il suo nuovo album, Biciclette rubate. Vicende quotidiane, viaggi fisici e mentali, storie d'amore (anche con se stessi) e dialoghi con entità superiori (personali o naturali) sono l'universo in cui prende vita e si muove la musica del cantautore toscano trapiantato a Mil
Andrea Donzella: Maschere – la recensione

Andrea Donzella: Maschere – la recensione

Recensioni
Maschere è il nuovo disco del cantautore Andrea Donzella. Una chiara ispirazione soft rock e pop anni '70-'80 accompagna l'artista in un cammino interiore nell'analisi dei rapporti con gli altri.     Recensione di Eleonora Montesanti   Maschere, il nuovo disco del cantautore di origini siciliane Andrea Donzella, è un concept album composto da otto brani che analizzano gli atteggiamenti e i filtri che utilizziamo per mantenere in equilibrio le nostre relazioni con gli altri. Si tratta di un album che mette al centro la chiara ispirazione soft-rock e pop degli anni '70 e '80 e che offre sonorità molto pulite e luminose, spesso in contrasto con i sentimenti e le sensazioni esposti nella liriche. Genitori che cercano di trasmettere ai figli valori universali in
Miza Mayi: Stages of a growing flower – la recensione

Miza Mayi: Stages of a growing flower – la recensione

Recensioni
Stages of a growing flower è il disco d'esordio poliedrico dell'artista nu soul afro-italiana Miza Mayi.     di Eleonora Montesanti   Stadi di crescita di un fiore. Si traduce così il titolo dell'album dell'artista afro-italiana Miza Mayi, qui al suo esordio come solista e autrice. Si tratta di un album poliedrico che viaggia fra molti generi musicali: nu soul, electro pop, electric jazz, lounge e funky. Quest'abbondanza musicale, in Stages of a growing flower, non è mai sinonimo di confusione. Al contrario, è la sua più grande ricchezza, poiché tutto è amalgamato in un crescendo elegante e raffinato. Per quanto riguarda i contenuti, Stages of a growing flower è un concept album autobiografico che rappresenta un ideale percorso di crescita interiore. E' molt
Andrea Giraudo: Stare bene – la recensione

Andrea Giraudo: Stare bene – la recensione

Recensioni
Stare bene è il nuovo disco del cantautore cuneese Andrea Giraudo, un concentrato di armonia e semplicità.   di Eleonora Montesanti   E' raro che, leggendo il titolo di un disco, già si capisca in modo lapalissiano quale sia il suo intento. Stare bene, il nuovo lavoro del cantautore cuneese Andrea Giraudo, è sicuramente uno di questi, perché basta osservarlo per capire che il suo obiettivo è la conquista della serenità. Dodici tracce in equilibrio fra le caratteristiche più calde e allegre del pop, del blues e del rock'n'roll, dove la musica si mette al servizio dell'armonia e della semplicità. Per Giraudo, la musica può essere una potente metafora del benessere: "La musica non fa guarire. E' la musica che mette a disposizione gli strumenti per guarire." Per qu
Babil On Suite: PAZ – recensione

Babil On Suite: PAZ – recensione

Recensioni
Paz è il nuovo disco del collettivo di musicisti, compositori e dj catanesi Babil On Suite e profuma di festa, amore e libertà.     di Eleonora Montesanti   Paz è il nuovo disco del collettivo catanese Babil On Suite, ovvero un caleidoscopio di stili, lingue ed esperienze musicali diverse, unite in un esperimento corale di pace artistica. Il risultato è una storia d'amore libera e appassionata fra la musica acustica e la campionatura, che dà vita a sua volta a un disco squisitamente e naturalmente pop che ci accompagna in un viaggio concettuale nella musica di tutto il mondo. Si tratta davvero di un lavoro eccellente, quello dei BOS, che d'altronde negli anni hanno collaborato con alcuni degli artisti italiani più importanti, come Lucio Dalla, Max Gazzè, Sam
Stona: Storia di un Equilibrista – recensione

Stona: Storia di un Equilibrista – recensione

Recensioni
Storia di un Equilibrista è il nuovo disco del cantautore Stona, che racchiude un caleidoscopio di racconti, originalità e tanta bella musica suonata. La produzione artistica è affidata a Guido Guglielminetti.     di Eleonora Montesanti   Per quanto possa sembrare un ossimoro - e per quanto l'artista in questione si sia sentito fare questa battuta un miliardo di volte - Stona è un cantautore bravissimo. Il suo nuovo disco, Storia di un equilibrista, ne è un'importante prova. Prodotto da Guido Guglielminetti (musicista e collaboratore storico di Francesco De Gregori) e arrangiato in equilibrio (poi basta giochi di parole) fra pop, timbri acustici e influenze latineggianti, il disco è un caleidoscopio di racconti e prospettive in cui Stona si barcamena nella su
Zuin: Per tutti questi anni – La recensione

Zuin: Per tutti questi anni – La recensione

Recensioni
Per tutti questi anni è l'esordio intimo, spontaneo e bellissimo del cantautore brianzolo Zuin.     di Eleonora Montesanti         Per tutti questi anni, il disco d'esordio di Zuin che arriva dopo l'anticipazione dell'EP Io non ho paura e la partecipazione al concertone del Primo Maggio a Roma, è un concentrato di genuinità è intimità, tra sogni, paure, amori e amicizie. L'identità di questo disco già di per sé è qualcosa per cui vale la pena prendersi un'oretta per ascoltarlo: non tutti i dischi permettono di fare un viaggio dentro e fuori da sé e guardarsi nella propria interezza. Zuin prende i primi trent'anni della sua vita e sviscera gli avvenimenti che sono stati i più significativi per il suo universo emotivo, marcandolo irrimedi
Ruggero de I Timidi: Giovani Emozioni – la recensione

Ruggero de I Timidi: Giovani Emozioni – la recensione

Recensioni
Giovani Emozioni, il nuovo disco di Ruggero de I Timidi, è un omaggio irriverente al cantautorato italiano degli anni '70 e '80.     di Eleonora Montesanti Ironico, irriverente e sfacciatamente sincero. Tre aggettivi che, da sempre, descrivono la musica di Ruggero de I Timidi e la sua vocazione al "demenziale raffinato". Il suo nuovo disco, Giovani Emozioni, ne è l'ennesima brillante conferma. Ispirato alla musica italiana degli anni '70 e '80, Giovani Emozioni riesce nell'intento di essere un divertente concept album su alcuni degli intoccabili fra i cantautori più importanti del nostro Paese. In questo tripudio di sarcasmo e genialità vale assolutamente la pena fare un piccolo viaggio attraverso tutte e dieci le tracce che lo compongono, ma solo per svelarne l'arg