Perlè – Quanto tempo resta: la recensione

cop_low_resIl cantautore veronese Gianluigi Scamperle in arte Perlè arriva al secondo appuntamento discografico dal titolo “Quanto tempo resta”(La Rosa Records/ distr. Venus). Con la produzione artistica di John Agnello (Mark Lanegan), Diego Sapignoli e Antonio Gramentieri (Steve Wynn, Ribot e Hugo Race), JD Foster basso in “Vertigine” e Israel Nash Gripka nel pezzo “Luna piena”. Un album con scenari molto cupi, tra suoni post-rock, western e murder ballads, i testi che ballano tra il sacro e il profano, o il bene e il male dipende dai punti di vista. Intriso di citazioni dagli indiani d’America a Jim Morrison, collaborazioni di e grosso calibro e di tutto rispetto, un album autoreferenziale che verrebbe da dire. Oltre le referenze quest’album contiene molta intimità, o meglio molta forza nell’espressione degli stati d’animo di Perlè. Un album decisamente Rock, ci sarebbe piaciuto un po’ più colorito con il “peccato”. Con qualche dose in più sperimentazione e scacciando i fantasmi del primo lavoro IL BLU E Il NERO .Quanto tempo resta – traccia per traccia 

1 – SOLAMENTE AMORE NON CI SALVERA’ è un’accusa rivolta a tutti gli illusionisti dell’amore, della fede e di ciò che viene etichettato come buono o non buono. Ogni cambio nasce solo da rivoluzioni. E qui, ci vuole una rivoluzione.

2 – LE SCIMMIE NON TREMANO immagina un futuro scenario post apocalittico, dove tutto è perduto, in cui si evocano immagini di autodistruzione, di non vita, che forse, prima o poi, ci troveremo ad affrontare… L’uomo, tornato alle origini è una scimmia sconfitta da se stessa.

3 – AVE MARIA è un dialogo con Maria, dove si invoca ancora una volta la sua grazia, nonostante il mondo non la stia affatto meritando. Rappresenta la fine della speranza terrena, per com’è adesso la vita terrena. La speranza ci offre la possibilità di andare avanti quando tutto attorno a noi sembra fermarsi. Oggi questa speranza è assente.

4 – CHLOE Dea dei raccolti, del verde e della fecondità. Epiteto di Demetra, che rappresenta l’energia materna per eccellenza, Chloe ci può aiutare a sconfiggere il male, insediato dentro di noi, dando origine a nuova vita. Nel brano sono presenti citazioni a riti pagani funebri e tribali.

5 – LA BAMBINA è una ninna nanna, dove il senso di amore e di protezione viene dato ad una bambina che dorme. La bambina è intesa come la parte fragile, pura ed inconsapevole dell’essere umano.

6 – LA PRIMAVERA NON TORNERA’ rappresenta la fine. Di tutto. “… Giallo è l’oro che brucerà…”. Brucerà il grano, e l’uomo non avrà più di che sfamarsi.

7 – VERTIGINE rappresenta il ricordo di un intenso incontro lontano, ormai andato, che conserva ancora nei ricordi la piena passione, pura, anche se legata ad un solo momento. La passione qui viene equiparata ad un senso di vertigine, unita all’arrivo di un uragano. Sbandamento e forza travolgente.

8 – BUON COMPLEANNO è dedicata a lei, al grande amore di Perlè. Per lei è stata scritta nel giorno del suo compleanno, il 2 Ottobre 2011.

9 – QUAL’E’ TUO NOME? è una preghiera rivolta a Dio, al Sacro Spirito, dove viene chiesto di mostrarsi, di rivelarsi. Oggi il mondo, vicino alla sua fine, ne ha bisogno più che mai.

10 – LUNA PIENA è dedicato all’energia della luna, al momento in cui essa è nella sua massima espressione, quando la sensibilità di tutti gli esseri viventi è amplificata e quindi la ricettività aumenta. Ma anche un’energia potente, a volte fuori controllo, che può dare stati di agitazione, paura

Sanfabe