Rossella Aliano – Blood Moon : la recensione

Blood Moon è la nuova uscita discografica dell’artista siciliana Rossella Aliano, un album che, tra space pop e cantautorato, analizza il caos storico contemporaneo in accezione metaforica. 

 

 

DI ELEONORA MONTESANTI 

 

Rossella Aliano e i Blood Moon (così si chiama il gruppo di musicisti che ha lavorato insieme all’artista siciliana in occasione di quest’album) sono una realtà molto particolare, poiché affiancano contenuti cantautorali allo space pop e alla musica elettronica. 
Domande esistenziali, riflessioni profonde e introspettive, analisi sulla società odierna, infatti, vengono sostenute da uno stile musicale interessante e contaminato da scie melodiche che li rendono argomenti ancora più sentiti e solenni. 

Il tema principale dell’album, infatti, è la vita. E cosa c’è di più solenne di quest’ultima? 
Si inizia dalla creazione (non come la intendiamo noi, sia cattolicamente sia scientificamente parlando, qui si parla della vita umana portata sul nostro pianeta da esseri venuti dallo spazio) e si arriva, a un certo punto, ad avere la possibilità di rinascere. 
Prima di rinascere, però, è davvero necessario morire? Questa è una domanda che, intrinsecamente, Rossella Aliano si fa spesso all’interno di questo album, fatto di viaggi onirici e astrali, ma anche di atti concreti di amore verso noi stessi e verso la nostra completezza.
Siamo esseri mutevoli, ma spesso ci dimentichiamo del potere del cambiamento e finiamo all’interno di loop ipnotici e incontrollabili che in Blood Moon si riconoscono benissimo nell’uso magistrale di pianoforte e tastiere, che spesso si rincorrono, ma trovano sempre un punto di luce da seguire.

Insomma, Blood Moon è un disco che non è facilissimo da metabolizzare, ma questo è assolutamente uno dei punti di forza più interessanti che ha, proprio perché racchiude la profondità e il coraggio di non essere convenzionale a livello stilistico e, soprattutto, di essere un riflesso ben preciso di un percorso di vita artistica e personale in cui si lotta per la consapevolezza. 

Siate curiosi, ascoltate questo disco, è una piccola miniera di perle preziose. 

 

TRACKLIST

1) Adam
2) Giuda
3) Anelli 
4) Ali di ferro 
5) Anime e draghi
6) Neve 
7) Sereni di pioggia
8) Nessuna metà
9) Sangue
10) Parole nella notte 
11) Una statua sulla cattedrale 
12) Todo va bien 
13) Blood moon 
14) Real